Seleziona una pagina

Colazione Sana

C’è colazione e colazione. Ad esempio un gipfeli da 33 grammi fornisce 153 Kcal e 7.3 grammi di grassi. E’ buono, anzi gustoso ma non da un senso di sazietà prolungato. La sua cugina brioche alla marmellata ad esempio può oltre ad ingredienti come la farina, il lievito e il burro, contenere anche uova. La presenza della marmellata o della crema pasticciera o di pistacchio può  arricchire energeticamente  questa brioche portandola ad un valore nutritivo che oscilla tra le 390 kcal di cui anche 20 g di grassi.

Il punto a sfavore di gipfeli, kifer o brioche sta proprio nel possibile senso di sazietà il quale potrebbe durare meno ore e far salire di molto la curva glicemica nel sangue.

Per dare la giusta energia ma anche sostenere per più ore la sazietà è più saggio optare per una colazione con del pane integrale , il quale fornirà si i carboidrati ma meno grassi. Il pane potrà essere condito con dello iogurt greco magro e dei semi di chia. Oppure con un velo di di marmellata o miele, ingredienti questi ultimi che per non sbagliare verranno misurati con un cucchiaino da tè.

Altra possibilità può essere quella di  optare per delle uova sode o all’occhio di bue cotte in pochissimo olio,  con una fetta di pane integrale  e della frutta.

Tra le colazioni più storiche adatte ad un effetto saziante rassicurante,  sicuramente possiamo dare un buon voto al caro e vecchio birchermüsli che si potrà preparare con 40-60 g di fiocchi d’avena o miglio, dello iogurt bianco naturale e un po’ di frutta e semi di girasole.